TempestaLa Tempesta è uno dei quadri più celebri del Rinascimento. Quest’olio su tela, realizzato da Giorgione entro il 1505 (databile intorno al 1502-1503), è conservato nelle Gallerie dell’Accademia a Venezia.

Nel dipinto ciò che si evidenzia maggiormente è l’attenzione per il dato naturale e atmosferico: è il paesaggio, con la sua natura magica e misteriosa, ad essere l’assoluto protagonista. Al centro della tela, il bagliore di un lampo, in un cielo denso di nubi, irrompe sulla scena composta da elementi naturali, architettonici e 3 figure umane. A destra ai margini di un boschetto, presso una fonte, siede una donna seminuda che allatta un bambino e fissa lo spettatore. A sinistra, un giovane in abiti civili del 500 osserva la donna appoggiato ad un bastone. Alle loro spalle, al di là di rovine con colonne e finte logge, si scorge una città su un fiume, attraversato da un ponte di legno.

La Tempesta è uno dei quadri più misteriosi dell’arte; le ipotesi interpretative, nel corso degli anni, sono state numerose ma ancora oggi non si conosce il suo reale significato.